Aiuto

xChiudi
Risoluzione minima consigliata 1024x748.
A partire dalle singole schede  possibile accedere a schede dedicate ad eventi, brigate partigiane, luoghi, altri caduti che abbiano una qualche attinenza con la scheda di partenza.
Attraverso la barra della cronologia (in basso)  possibile accedere a tutti gli eventi inseriti nel database.
La cronologia  suddivisa in tre sezioni: avvenimenti di rilevanza locale, nazionale e mondiale.
Tasto F11: Attiva/disattiva la visualizzazione a tutto schermo.
Icona ascolta: Attiva/Disattiva l&opzione di lettura automatica del testo contenuto nella scheda(di prossima implementazione)
Tasto Indietro: Torna alla schermata precedente.
Tasto Cerca: Accesso alla maschera di ricerca semplice e libera.
Tasto Ricerca Avanzata: Esegue ricerche tra tipologie diverse e confronta i risultati.

Note

xChiudi

Bibliografia

xChiudi


biblioteca digitale

Cincinnato
Baruzzi

Imola (BO), 1796 - Bologna, 1878

Il Museo civico del Risorgimento di Bologna ha in programma la realizzazione di un volume monografico dedicato all'artista. Chi fosse a conoscenza di opere o dati biografici è pregato di contattare il Museo:
museorisorgimento@comune.bologna.it   051.225583


Dopo aver frequentato la scuola di scultura di Giacomo De Maria all’Accademia di Belle Arti di Bologna, nel 1816 vinse il pensionato di Roma, dove si recò per perfezionarsi e dove venne accolto nello studio del Canova, di cui divenne il collaboratore prediletto, tanto che alla morte del maestro ricevette l’incarico di dirigerne lo studio, e nello stesso periodo portò a termine varie opere lasciate incompiute dal Canova stesso - come la statua di Pio VI per S. Pietro, o la Dirce per Giorgio IV d’Inghilterra -, e tradusse in marmo la Pietà che Canova aveva destinato al suo Tempio di Possagno.
Baruzzi continuò a lavorare incessantemente acquistando rinomanza, nonostante fosse stato coinvolto nelle invidie e polemiche che nacquero attorno all’eredità dello studio.
Nel 1832 rientrò a Bologna a seguito della sua nomina a professore di scultura all’Accademia, incarico che mantenne fino al 1860.
Baruzzi eseguì principalmente raffinate opere di carattere mitologico e religioso, acquistate da collezionisti e regnanti di tutta Europa, ma fu anche un valente ritrattista e dette ottimi risultati soprattutto nei monumenti funerari, che ha eretto numerosi nel Cimitero Monumentale di Ravenna, nel Cimitero della Certosa di Bologna ed in quello di Ferrara.
Lo scultore imolese è l'unico chiamato a lavorare il marmo a Bologna su scala colossale nella prima metà dell'Ottocento. Nel 1854 completa in S. Petronio il monumento funebre dedicato a Felice Baciocchi e alla moglie Elisa Bonaparte. Elisa, sorella di Napoleone, è dal 1809 al 1814 granduchessa di Toscana e regge il governo insieme al marito fino a che, dopo i noti rivolgimenti del 1814-15, si rifugia a Trieste, dove muore. Il marito scelse come dimora definitiva la loro residenza bologne e portò con sè la salama della moglie. Il sepolcro è realizzato in una prima versione da Lorenzo Bartolini, ma che viene rifiutata, tanto che di suo nella cappella si ammirano solo due bei fanciulli che sorreggono lo stemma di famiglia. Il gruppo principale, dopo vari passaggi, finisce in Certosa sul sepolcro Angelelli. Baruzzi viene chiamato a sostituire il più anziano scultore toscano e raffigura l'unione eterna tra i due coniugi, suggellata da un genio funebre in volo, opera strettamente classica, del tutto consona al nostro scultore e al rango dei defunti. Il percorso di vita di Baruzzi non è sempre tra i più facili, e una delle delusioni più cocenti è l'abbandono della colossale composizione che doveva raffigurare Il Trionfo di Maria. L’opera richiesta a Torino da Carlo Alberto non viene mai completata a causa delle vicissitudini storiche, che impediscono di investire su questo grande marmo la cifra di 100.000 lire.
Dal 1833 si fece costruire a Bologna una villa, oggi detta la “Baruzziana”, dove raccolse quadri e sculture. Ormai dimenticato dalla cultura ufficiale, muore nella sua villa nel 1878; quest’ultima passò in proprietà al Comune di Bologna e parte del suo ricco patrimonio artistico andò purtroppo disperso.

Valentina Andreucci

2008, ultimo aggiornamento aprile 2013

1 di 13

immagini
xChiudi
xChiudi